CONTROLLO A DISTANZA DEI LAVORATORI: IL GPS AZIENDALE

Come noto l’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, così come modificato dall’art. 23 del Dlgs 151/2015, prevede che gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale e possono essere installati solo previo accordo sindacale o autorizzazione della Direzione del Lavoro Competente.

Tuttavia l’accordo sindacale e l’autorizzazione della DTL non sono necessari per gli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze e quando gli strumenti di controllo a distanza sono utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa.

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro con la circolare 2 del 7 novembre 2016 è intervenuto in materia di GPS stabilendo che:

  • Gli impianti di localizzazione satellitare, GPS, possono essere installati solo se vi è l’accordo sindacale oppure l’autorizzazione della DTL, in quanto sono un elemento aggiunto agli strumenti di lavoro. Il caso cui si riferisce la circolare è quello del GPS installato sul veicolo aziendale;
  • Non sono necessari l’accordo sindacale e l’autorizzazione della DTL solo nei casi in cui la prestazione lavorativa non può essere resa senza l’uso del GPS e nei casi in cui vi è un obbligo di installazione del GPS previsto da una norma di legge o anche regolamentare (ad esempio il Regolamento della Città Metropolitana di Venezia prevede l’obbligo dell’installazione del GPS nelle imbarcazioni adibite al trasporto pubblico non di linea nella Laguna di Venezia);

Aggiungiamo che in ogni caso, sia nel caso in cui il GPS possa essere installato solo previo accordo sindacale o autorizzazione della DTL, sia nel caso in cui non vi sia la necessità dell’autorizzazione, il datore di lavoro ha l’obbligo di informare i propri dipendenti sulle modalità d’uso degli impianti di GPS e sull’effettuazione dei controlli.

L’informativa ai lavoratori consente inoltre al datore di lavoro di poter utilizzare i dati raccolti “a tutti i fini connessi al rapporto di lavoro”, comprese, quindi, anche quelli disciplinari.

Sanzioni: nel caso di installazione di strumenti di controllo senza preventiva autorizzazione della DTL o accordo sindacale è applicabile la sanzione penale prevista dall’art. 38 della legge 300/1970: ammenda da 154 a 1.549 euro o l’arresto da 15 giorni ad un anno, salvo che il fatto non costituisca più grave reato.

Per la configurazione del reato di cui all’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori è sufficiente la sola installazione degli impianti di controllo anche se manca ancora l’attivazione.

 

 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close